In Copertina Scuola

Ansia, gruppi di studio e fosforo: così i maturandi affrontano la Terza prova

Superati i primi due scritti, i maturandi di tutta Italia sono chiamati ad affrontare la temutissima Terza prova, l'ultima dato che dal prossimo anno non verrà più sostenuta. LiveUnict racconta come stanno vivendo la Maturità i ragazzi delle quinte classi.

C’è chi la chiama “quizzone” per le numerose materie che coinvolge, chi “consolazione” per stendere forse l’ultimo velo pietoso su una seconda prova non proprio ottimale, e c’è perfino chi la associa alla disperazione perché si è trovato davanti a una grande quantità di programma da ripassare.

Da anni considerata come banco di prova degli esami di Maturità, la Terza prova è alla sua ultima apparizione: secondo le modifiche proposte dalla legge sulla “Buona scuola “, dal prossimo anno gli studenti non dovranno più affrontarla. Ma questo discorso non vale per i maturandi del 2018, alcuni dei quali saranno impegnati proprio stamattina nel sostenere questa temuta prova.

Tra un po’ d’ansia e moltissimi appunti, i maturandi hanno raccontato ai microfoni di LiveUnict come hanno deciso di prepararsi e di affrontare la Terza prova.

Dal mio punto di vista è la più impegnativa – ci racconta Martina, studentessa di un liceo scientifico – con dieci domande, cinque programmi da conoscere per materia, sei o sette righe per le risposte, tutte da svolgere in due ore. Le simulazioni ci danno un’idea, peccato che siano sottovalutate; purtroppo, se il contenuto non è ben conosciuto, è difficile elaborare una risposta esaustiva e formalmente corretta”.

Ma quali sono le aspettative dei maturandi? “Principalmente, la speranza di domande non troppo complesse; essendo abituati ad argomentare, la trattazione sintetica può essere un vero problema, sommato alla pressione, all’ansia per il colloquio orale, perfino ai progetti estivi, tutte cose che accompagnano i nostri studi”. 

Ogni esame che si rispetti, però, richiede una preparazione esterna al bagaglio di nozioni e conoscenze, come ci racconta Erica: “Per facilitare lo studio, ho fatto alcuni riassunti del programma delle materie che saranno presenti all’interno della provaGiorni fa, iniziavo a sentirmi fiacca e ad avere difficoltà a concentrarmi, così ho deciso di iniziare a prendere un’integratore al fosforo per vedere se riusciva ad aiutarmi a memorizzare”. 

Oltre la mole di studio, sebbene in questo caso la prova consista nelle domande a risposta multipla, sono altre le difficoltà dettate dalla situazione: “Nei giorni prima dell’esame avevo difficoltà a prendere sonno – dice Erica –  mi svegliavo in continuazione per il pensiero dell’esame e perché avevo paura che non mi suonasse la sveglia. Molto efficace, secondo me, è concedersi qualche ora di palestra: aiuta molto a distrarsi e a smaltire lo stress che si sente dopo essere stati moltissime ore a studiare”.

Di norma, la terza prova è anche quella in cui si lascia più spazio all’aiuto reciproco tra compagni, chiamati all’ultimo compito – nostalgicamente parlando – insieme, tra i banchi: Daniele, ad esempio, affronterà la prova in un liceo musicale, dove il test consterà di quattro materie: “Oltre al personale studio ‘matto e disperatissimo’ , ho deciso di confrontarmi con i miei compagni di classe. La canonica regola del ‘Leggi, evidenzia e ripeti’ ha fatto il resto”.

“La scuola ha significato molto per me, grazie,  – racconta Daniele che fa un bilancio degli anni appena trascorsi – soprattutto, agli insegnamenti di alcuni docenti, quindi se per certi versi trovo questo distacco molto forte e di impatto, per altri sono molto entusiasta in quanto inizio di un percorso nuovo, prospero e rigoglioso”. 

Tuttavia, sono tanti gli studenti che ritengono che sia importante prepararsi in gruppo, tra questi c’è anche Clara, studentessa di un istituto tecnico aeronautico: “La maturità è un’esperienza da condividere con qualcuno ed il bello è sapere di non essere completamente soli. Sto studiando insieme ad una mia compagna, ci sosteniamo e incoraggiamo a vicenda”.

“In realtà sono abbastanza tranquilla – ci confessa la studentessa – temevo sicuramente di più la prima prova ma è ormai solo un ricordo, anche se temo meccanica, tra le materie”.

Rebecca, studentessa di liceo linguistico, prova a guardare oltre l’ostacolo che ancora la attende: “La mia terza prova richiederà risposte aperte da 15 righe – ci spiega – e, sicuramente, rappresenta la mia più grande preoccupazione per via delle tante materie da studiare, anche per il poco tempo a disposizione. Il pensiero primario in questo momento è liberarmi da tutto questo stress. Non accetto ancora, però, l’idea di non poter tornare a scuola a settembre: è inevitabile provare un piccolo senso di vuoto”.

E mentre gli occhi cercheranno la domanda più facile, quella che ti ricordi o magari sai meglio, la mente inizierà il suo viaggio. “Non vedo l’ora di essere libera/o” è la prima cosa che sentiamo dire, per poi dare spazio alla nostalgia. Mancheranno i bidelli, i compagni, i bei momenti passati insieme, sogni, schiamazzi, anche le prime cotte, l’idea del primo giorno di scuola. Ma questa, è un’altra storia.

Realizzato in collaborazione con Simona Lorenzano, Marzia Gazzo e Rosario Gullotto

Luciano Simbolo

Aspirante giornalista, praticante studente, occasionalmente musicista. Collaboratore dal 2016, studia Lettere moderne presso il DISUM di Catania. I tre imperativi fondamentali? Scrivi, viaggia, suona ma senza dimenticare la pizza e lo sport.

Da TWITTER

#Arte: opera di Jean #Calogero donata alla città di #Catania https://catania.liveuniversity.it/2019/11/18/catania-jean-calogero-arte/

معلومات جديدة عن علاقة الحكومة الايطالية بمهربي البشر في #ليبيا
Reporter siciliano sotto tutela: "Chi è Bija, il trafficante di migranti ospitato in Sicilia" https://catania.liveuniversity.it/2019/11/18/bija-traffico-migranti-nello-scavo/ via @liveunict

#Turista messicano fa il giro del mondo in moto: gliela rubano a #Catania https://catania.liveuniversity.it/2019/11/18/catania-turista-spagnolo-furto-moto/

Load More...