Catania

Catania, al Cannizzaro sarà inaugurato nuovo centro emergenze

Nuovi reparti e nuovi spazzi per la riabilitazione saranno inaugurati domani presso l'ospedale Cannizzaro: Neurologia con Stroke Unit, UTIR e Unità Spianale

Sabato 17 febbraio saranno inaugurati presso l’ospedale Cannizzaro di Catania i nuovi reparti di Neurologia con Stroke Unit, UTIR e Unità Spianale. Per dare inizio alle attività di riabilitazione, sarà, inoltre, stretta una convenzione con l’Irccs “Bonino-Pulejo” di Messina. L’inaugurazione avrà luogo alle ore 9, nei locali del Centro Congressi del Cannizzaro, alla presenza del presidente della Regione, Nello Musumeci, del sindaco di Catania, Enzo Bianco e dell’assessore alla Salute Ruggero Razza e di altre autorità locali. A introdurre la giornata sarà il direttore generale della stessa azienda ospedaliera, Angelo Pellicanò.

La nuova struttura del Centro di Gestione delle Emergenze, sito nell’edificio M, comprende al suo interno una sala controllo con tecnologie all’avanguardia che garantiranno la sicurezza dell’intero ospedale: sono presenti sistemi di allarme e decine di telecamere a circuito chiuso che monitoreranno anche ascensori e scale antincendio. L’unità operativa di Neurologia, sita invece nell’edificio F2, avrà delle nuove sale per la diagnostica, una palestra per la riabilitazione e un’area semi-intensiva di Stroke Unit. Si tratta di un utilissima unità in cui sarà possibile trattare specificatamente gli ictus grazie alla trombolisi, terapia la cui attuazione richiede un’attenzione particolare. Presso l’edificio S, sarà inaugurata, in fine, un nuovo reparto di terapia intensiva che consta di 8 posti letto e che sarà condivisa dall’Utir e dall’Unità Spinale. Quest’ultima trasferirà le proprie degenze al secondo piano. Il primo piano, infatti, sarà adibito alle attività riabilitative frutto delle convenzione Cannizzaro – Centro Neurolesi “Bonino-Pulejo” di Messina.

Secondo quanto affermato dal dott. Pellicanò, questa convenzione “consentirà di allargare ulteriormente l’offerta sanitaria di neuroriabilitazione per i pazienti colpiti da gravi cerebro-lesioni anche attraverso le tecnologie avanzate che offriranno innovativi percorsi riabilitativa”.

 

Università di Catania