Attualità In Copertina

Nel nome di Danilo: studenti lanciano petizione per l’attraversamento pedonale

Una petizione per Danilo, una petizione per tutti gli studenti e i cittadini che si troveranno ad attraversare la circonvallazione.

Dopo la morte di Danilo Di Majo, il 25enne travolto sulle strisce pedonali nei pressi della Cittadella universitaria, nasce una petizione per la messa in sicurezza del passaggio. A lanciarla sono gli studenti di Medicina del Polo B, che ieri hanno aperto una raccolta firme su Change.org.

“Ricordiamo all’amministrazione della città che il luogo in cui Danilo ha perso la vita è un attraversamento estremamente pericoloso e, allo stesso tempo, molto trafficato da centinaia di studenti e cittadini”, hanno scritto i ragazzi nella petizione. 

“Quindi, al fine di evitare che un’altra persona possa perdere la vita così, – continua la petizione – chiediamo al sindaco della città di Catania di mettere in sicurezza il passaggio pedonale di cui sopra in maniera rapida, che non significa affatto temporanea, attuando un intervento efficace e sicuro per il bene di tutti noi”.

La raccolta firme è indirizzata al sindaco Bianco ed ha riscosso un notevole successo, se si pensa che in più di 3 mila hanno dato la propria adesione in circa 17 ore. La petizione non è solo un modo per ricordare Danilo, ma è anche il primo passo per evitare un’altra tragedia annunciata.

Nel 2015, il consigliere Parisi aveva segnalato all’Amministrazione comunale la pericolosità degli attraversamenti pedonali. La petizione nasce come grido di dolore e di rabbia, perché quei passaggi pedonali sono percorsi ogni giorno da moltissimi studenti che devono raggiungere i diversi edifici della Cittadella universitaria.

“Sto firmando perché non succeda mai più. Non si può morire così”, scrive Roberta sotto la petizione.

“Ho frequentato anch’io medicina – scrive invece Fabio – e centinaia di volte sono passato da quel punto… è poco sicuro, così come tutta la circolazione che fa davvero pena a Catania… purtroppo sì pensa a fare opere che gonfiano il portafoglio piuttosto che mettere in sicurezza la vita dei pedoni e non solo”.

Insomma, questa è una petizione “Per Danilo, per ogni studente e cittadino, perché il suo sacrificio non debba più ripetersi”, come spiega Luana.