Catania

CATANIA – Quasi pronta la nuova piazza di via Sant’Euplio, strappata ai parcheggiatori abusivi [FOTO]

Uno spazio recuperato e strappato diligentemente all’azione dei molteplici parcheggiatori abusivi che ogni giorno presidiavano la zona. Stiamo parlando del nuovo piazzale antistante l’istituto bancario UniCredit di via Sant’Euplio che, stante gli ultimi lavori, godrà di una nuova e brillante vita.

Chiuso e barricato da diversi mesi, causa lavori di realizzazione, sarà consegnato alla città di Catania questo nuovo spazio (di fronte la via Spedalieri), da anni abusivamente occupato dai parcheggiatori che ne avevano fatto il loro core business a tutte le ore del giorno, con una sosta selvaggia che non permetteva neanche di circolare a piedi, data la mole di automobili parcheggiate alla rinfusa. Un ordine tutto loro, un abuso tutto loro, ma uno scempio di tutti.

Dopo la realizzazione della piazzetta di via Pacini e quella di Ognina (recentemente sabotata da vandali), quest’altra opera di ammodernamento donerà nuovo splendore ad una via tanto trafficata quanto abbandonata a se stessa negli ultimi anni. Sede di antichi palazzi, centro nevralgico della commercializzazione catanese, la via Sant’Euplio (corredata della sua splendida e antica cripta riportata recentemente alla luce dei cittadini) ha subito un tracollo non indifferente nell’ultimo decennio, con diversi esercizi commerciali di nota importanza chiusi, marciapiedi dissestati e lerci e vicoli trasformati in latrine a cielo aperto.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Dalle foto da noi scattate, si evince una nuova pavimentazione del suolo recuperato davanti l’ingresso dell’istituto bancario, con gli storici alberi sul ciglio della strada e qualche nuovo fusto piantato in spazi ricavati dalla nuova cementificazione. Probabilmente il progetto finale, che dovrebbe essere consegnato a breve, prevede anche l’installazione di panchine, “figure” certamente più gradite alla comunità rispetto ai parcheggiatori abusivi.