Arte In Copertina

CATANIA – Tutte le mostre aperte durante il periodo natalizio

Arte, archeologia e cultura: questo ciò che si potrà trovare all’interno delle mostre visitabili a Catania mentre si respira aria natalizia.

Le mostre, alcune delle quali sono aperte al pubblico già da tempo, faranno delle aperture straordinarie anche in alcuni giorni festivi. Molte le occasioni da non perdere.

Ecco nello specifico mostre, date e orari:

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

  • Palazzo della Cultura, Via Vittorio Emanuele,121: da lunedì a sabato 9,00/19,00 – domenica 9,00/13,00 aperture straordinarie  8 dicembre 9,00/13,00 – 24 dicembre 9,00/13,00 –  26 dicembre 16,00/21,00 – 31 dicembre 9,00/13,00 – 1 gennaio 16,00/21,00 – 6 gennaio 9,00/13,00. All’interno sono visitabili le mostre: “LUCE – L’immaginario italiano”, Ingresso a pagamento e “THIS IS MY MOTHER”, Ingresso libero.
  • Museo Civico Castello Ursino Piazza Federico di Svevia: da lunedì a venerdì 9,00-19,00; sabato – domenica e festivi 9,00- 20,30 la biglietteria chiude un’ora prima aperture straordinarie 8 dicembre 9,00/19,00 – 24 dicembre  9,00/13,00 – 26 dicembre 9,00/19,00 – 31 dicembre 9,00/13,00 – 1 gennaio 16,00/21,00 – 6 gennaio 9,00/19,00. Sono visitabili le mostre: “Museo della Follia” oli, sculture e disegni di Antonio Ligabue; dipinti del pittore Pietro Ghizzardi; sculture di Cesare Inzerillo. Ma anche visitabile “Imago Urbis”, disegni, dipinti, carte di Catania tra XVIII e XIX sec. Nello spazio espositivo del 2^ piano esposti disegni, dipinti, incisioni, carte dei maggiori rappresentanti dell’architettura urbanistica del ‘700 e ‘800,  Ittar Stefano e Sebastiano,  G. B. Vaccarini, L.  Mayer e le loro vedute della città etnea prima e dopo del terribile terremoto del 1693. Mostra curata dal prof. Dario Stazzone; E ancora: “Le monete di Catania greca e bizantina nelle collezioni del Museo Civico”: Sono esposte  le monete prodotte dalla zecca di Catania in epoca greca e nell’età bizantina. Mostra curata dal prof. Giuseppe Guzzetta – Università degli Studi di Catania; Esposizione opere pittoriche dell’ 800 catanese ( M. Rapisardi, Gandolfo, Sciuti, Liotta, Attanasio). Mostra curata dallo staff interno del museo. Ingresso a Pagamento.
  • Museo Emilio Greco Piazza S. Francesco d’Assisi, 3: da lunedì a sabato 9,00 – 19,00; domenica 9,00 – 13,00, aperture straordinarie 8 dicembre 9,00/13,00 – 24 dicembre  9,00/13,00-  26 dicembre 16,00/21,00 – 31 dicembre 9,00/13,00 – 1 gennaio 16,00/21,00 – 6 gennaio 9,00/13,00. All’interno si può visitare: dal 3 dicembre al 18 dicembre Mostra “Paesaggi dell’anima”. Dal 21 dicembre all’8 gennaio Mostra dell’artista Carmen Arena, “Madre natura: Aria Acqua e Fuoco” Accademia d’Arte Etrusca, a cura di D.M. Costa.Ingresso a Pagamento.
  •   2°Circoscrizione, Castello Leucatia, via Leucatia 68,: 8ª Mostra dell’Artigianato e dell’Ingegno Artistico in collaborazione con la Biblioteca C.C. “Rosario Livatino” – Castello Leucatia. Apertura il 10 e 11 – 17 e 18 dicembre 2016, dalle ore 9,30 – 13.00 // 16,00 – 19,30
  • Museo Diocesano: da lunedì a venerdì ore 9.00 – 14.00 – martedì e giovedì anche ore 15.00 – 18.00 sabato 9.00 – 13.00. All’interno è sisitabile la mostra ROSSOCORALLO  ARTE SACRA opere in corallo del maestro  Platimiro Fiorenza a cura di Rosadea Fiorenza e Marilisa Spironello. Apertura da lunedì  19 dicembre a sabato 7 gennaio – chiusura il 25 e 26  dicembre, il primo gennaio e il 6 gennaio.Ingresso a pagamento.

 

A proposito dell'autore

Simona Lorenzano

Cresciuta ad Agrigento, terra in cui ha respirato la grecità a pieni polmoni, consegue la maturità presso il Liceo Classico Empedocle. La passione per la salute e il benessere la spingono a laurearsi in Infermieristica a Catania. Scrive su Live UniCT sin dal primo anno di università e continua a coltivare il suo amore per la scrittura, la musica e le discipline umanistiche. Per citare Plinio il Vecchio: “Non lasciar passare neanche un giorno senza scrivere una riga”.