Lavoro, stage ed opportunità

Diventare giornalista: le differenze tra articolista, pubblicista e professionista

I campi professionali giornalistici sono molti: si va dalla televisione alla radio, da Internet alla stampa cartacea. Ma quali sono veramente i ruoli che un giornalista può ricoprire?

diventare-giornalista

Dopo il percorso su come Diventare Giornalista, con le indicazioni su corsi di laurea, master e specializzazioni, ecco le principali figure giornalistiche: l’articolista, il giornalista pubblicista e il giornalista professionista. Ma chi sono questi giornalisti? E quali sono i loro ruoli all’interno di una redazione?

L’articolista è colui che scrive articoli per un quotidiano o un periodico, pagato per ogni singolo pezzo che scrive. A differenza del pubblicista o del professionista, non è tenuto ad iscriversi all’Albo dei giornalisti. Internet ha poi dato ampio spazio alla nascita delle nuove professioni, le cosiddette Professioni 2.0; infatti, l’articolista, spesso è anche impegnato a scrivere nei blog.

Dall’articolista, si aspetta sempre velocità e disponibilità, oltre che la conoscenza sul pezzo o servizio che viene richiesto dalla redazione. Essere un articolista non risulta essere molto facile, sopratutto sul web.

Mentre, il pubblicista e il professionista sono quei ruoli che svolgono un’attività giornalistica raccogliendo dati, elaborandoli per poi diffonderli attraverso i vari canali e strumenti di stampa, quali la televisione o la radio, o i siti web ad esempio. La differenza si presenta, sia sul carattere contrattuale e sia sul carattere sostanziale:

  • Sul contratto: il Pubblicista, che può svolgere altri impieghi oltre a quello di giornalista, è iscritto all’Albo dei giornalisti nell’Elenco Pubblicisti dimostrando che abbia svolto un’attività giornalistica retribuita per 2 anni; il Professionista svolge la professione da giornalista in modo continuativo, ed è iscritto all’Albo dei giornalisti nell’Elenco Professionisti secondo dei requisiti: quali i 21 anni di età, un praticantato di 18 mesi e il superamento di una prova di idoneità professionale.
  • Sul campo: il Pubblicista offre le sue competenze e conoscenze in merito alla sua reale figura professionale (quale medico, avvocato o professore, ecc.) a tutte le testate giornalistiche con cui collabora; il Professionista, invece, lavora, come detto precedentemente, in modo continuativo e stabile per una testata giornalistica e deve avere le competenze tecniche della professione in tutti i suoi aspetti.

Quella del giornalista, pubblicista o articolista, può risultare una professione completamente free-lance, cioè, il giornalista è un libero professionista, quindi non assunto da una testata giornalistica. Viene adottato il termine stringer per questi giornalisti: lo stringer è colui che fornisce foto o servizi e viene pagato per ogni pezzo pubblicato,  come l’articolista, e spesso viene incaricato di compiere un servizio sulle notizie dell’ultima ora.

About the author

Samuele Amato

Studente di Filosofia, classe 1997, Samuele Amato è appassionato di cinema, musica, viaggi, storia e giornalismo, il ché lo ha spinto a intraprendere, dopo il diploma in Informatica e Telecomunicazioni, questo percorso con LiveUnict. Con gli ideali della libertà e del cosmopolitismo, Samuele ha l'obbiettivo di voler dare un contributo come giornalista e - si spera - come insegnante.