Altro Attualità News Viaggi

Hyperlapse, la nuova app di Instagram

Instagram hyperlapseLanciata quattro anni fa, Instagram è l’app in grado di comunicare attraverso un semplice click e la scelta di un filtro tutti i momenti che vogliamo far conoscere ai nostri amici con una semplice condivisione dell’immagine su Facebook, Twitter, Tumblr e Flickr.

La fotografia, però, non è l’unico mezzo in grado di fermare un momento e così Instagram lancia una nuova app: Hyperlapse. Si tratta di una tecnica vecchia, utilizzata anche in alcuni film, riportata alla luce dalle nuove tecnologie. Il time-lapse permette di creare video accelerati, catturando in pochi secondi ciò che normalmente possiamo osservare in lunghi periodi.

La progettazione di Hyperlapse è molto semplice e non è necessario creare nessun account. Basta aprire la fotocamera, avviare la registrazione (massimo 45 minuti) e poi interromperla scegliendo la velocità di riproduzione (1x-12x) e toccare la spunta in verde per salvarla e poi, se lo si vuole, condividerla su Instagram o facebook. Sarà così possibile filmare i momenti più lunghi della nostra giornata e giocare con essi aumentando la loro velocità e creando effetti che sicuramente renderanno più speciale quell’arco di tempo.

Documentare la nostra vita e creare una memoria digitale delle nostre esperienze non è mai stato più semplice. Instagram ancora una volta da’ spazio alla creatività di tutti i suoi utenti. Sicuramente presto i social network saranno pieni di video in time-lapse che sostituiranno la  moda dei selfie che quest’anno ha raccontato le vacanze di tutti.

Con Hyperlapse sarà ancora più facile realizzare istantaneamente i reportage dei nostri viaggi, l’unica cosa di cui dobbiamo stare attenti è non lasciarci sfuggire momenti unici e sorrisi veri per immortalarli continuamente con i nostri smartphone, perché si crischia di non vivere l’unicità di un momento che non tornerà più indietro.

Hyperlapse è disponibile al momento solo per iOS 7 e successivi, ma data la recente escalation, Instagram non ha escluso una futura apertura verso i sistemi Android.