Attualità

Revoca e arresto per il commissario straordinario del Policlinico

traffico-di-rifiuti_0000000573Nell’ambito dell’operazione ”Bad Boys” , condotta dalla Compagnia Carabinieri di Palagonia, è stato posto agli arresti domiciliari l’oramai ex-commissario del Policlinico di Catania Vito Digeronimo. Le accuse a suo carico sono traffico e smaltimento illecito di rifiuti, truffa e frode in pubbliche forniture, reati maturati durante la gestione della società  Kalat Ambiente Spa impegnata nella gestione dei rifiuti dei comuni del Calatino . L’incarico presso il Policlinico di Catania era iniziano il 21 gennaio scorso, su indicazione dell’assessorato regionale alla Salute e si sarebbe concluso con la nomina del nuovo direttore generale. Ma l’ufficializzazione degli arresti domiciliari ha fatto procedere alla revoca immediata dell’incarico. Commentano così il Governatore della Regione Sicilia, Rosario Crocetta e l’assessore alla Salute Lucia Borsellino: “In seguito alla vicenda giudiziaria che ha coinvolto il commissario straordinario del Policlinico di Catania, Vito Digeronimo, abbiamo proceduto all’immediata revoca dell’incarico non appena raggiunti della notizia degli arresti domiciliari“. L’amministrazione dell’ ospedale sarà dunque affidata al Direttore sanitario Antonio Lazzara, così come previsto dalla legge.

A proposito dell'autore

Maria Di Gregorio

Classe 87, nata a Catania, vive a Nicolosi. Consegue tutti i diplomi delle scuole dell’obbligo (tra l’incredulità di molti e di se stessa) maturandosi al Liceo Scientifico Informatico e sviluppando una repulsione indotta verso la matematica. Gli anni scolastici non le accordano solo un prezioso bagaglio culturale, che ama arricchire, ma le permettono di approfondire la passione per la scrittura tramite corsi ad essa dedicati. Sceglie di proseguire gli studi accademici nel corso di laurea specialistica in Farmacia ma, nonostante ciò, coglie le occasioni che le si offrono per coltivare il suo "ozio affaccendato" iniziando una felice collaborazione con LiveUnict nell’anno 2010. Ama il confronto proficuo ,mettersi in gioco e imparare perché, citando Euripide, chi trascura di imparare in giovinezza perde il passato ed è morto per il futuro. Socio fondatore dell’Associazione Culturale Liveunict.

Rimani aggiornato