Scuola

Bonus viaggi di istruzione: requisiti e come richiederlo

bonus viaggi di istruzione
Bonus viaggi di istruzione: ecco come richiedere l'agevolazione, a chi è dedicata e quali sono i requisiti da rispettare.

Bonus viaggi di istruzione: arrivano importanti aggiornamenti per gli studenti delle scuole italiane in questo primo mese dell’anno. A partire dal 15 gennaio, infatti, sarà possibile richiedere un’ agevolazione dedicata agli studenti  provenienti da famiglie economicamente svantaggiate. I fondi stanziati ammontano a 50 milioni di euro per poter dare l’opportunità di prendere a parte non solo a viaggi di istruzione e visite didattiche, ma anche a viaggi e programmi di studio all’estero.

Ecco cosa c’è da sapere e quali sono i requisiti da rispettare per poter richiedere il bonus per le gite scolastiche nel 2024.

Bonus viaggi di istruzione: a quali scuole è rivolto

L’agevolazione non è dedicata agli studenti di tutte le scuole ma solo a quelli delle scuole statali secondarie di secondo grado. Non sono, quindi, incluse le scuole medie e gli istituti non statali.

Bonus viaggi di istruzione: i requisiti da rispettare

L’agevolazione per i viaggi d’istruzione per il 2024 può essere richiesta dalle famiglie che possiedono un ISEE inferiore a 5 mila euro. Per ciascuno studente, il rimborso garantito dalle scuole ammonta ad un massimo di 150 euro per persona.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di TEMU destinati agli studenti universitari per ottenere un pacchetto buono di 💰100€. Clicca sul link o cerca ⭐️ apd39549 sull'App Temu!

Nel caso in cui non si possieda l’ISEE, sarà possibile compilare la Dichiarazione sostitutiva unica, anche online.

Saranno gli istituti scolastici che, a seconda delle risorse e del numero di beneficiari, si occuperanno di sostenere i relativi costi.

Le famiglie con più studenti possono presentare più di una domanda per persona.

Bonus viaggi di istruzione: come richiederlo

Per poter richiedere l’agevolazione, bisogna accedere alla Piattaforma Unica e del sistema SIDI per la gestione delle risorse finanziarie. Una volta inoltrata la richiesta, la palla passa all’INPS che dovrà verificare appositamente l’ISEE al fin di garantire la massima correttezza nell’assegnazione del beneficio.

Una volta effettuata la verifica da parte dell’ente, sarà possibile verificare l’esito online della domanda, accedendo nell’area personale della Piattaforma Unica.

Si ricorda che il periodo per richiedere il bonus è di un mese, dal 15 gennaio fino al 15 febbraio.


Bonus asilo nido 2024, aumentano gli importi: come richiederlo