Erasmus In Copertina

Erasmus, come scegliere la meta perfetta? La top 15 delle migliori destinazioni

erasmus
Durante gli anni universitari una delle esperienze più belle che si possa fare è il progetto Erasmus. La ricerca della destinazione è essenziale per passare un periodo all'insegna dei propri bisogni e del piacere. La redazione di LiveUnict ha elencato le migliori mete in Europa.

Nel mondo universitario, senz’altro, la migliore esperienza che si possa fare è l’Erasmus. Molti studenti aderiscono al progetto e vanno a studiare all’estero per mezzo semestre o anche per un intero ano accademico. Si tratta di un’esperienza di crescita culturale, personale e soprattutto accademica. Andare in un posto nuovo e studiare in un’altra lingua consiste nel mettersi alla prova.

Gli studenti che scelgono di partire in Erasmus adottano molti criteri per scegliere in che paese recarsi. Senz’altro il primo criterio è il gusto personale. Infatti, molti studenti scelgono la propria destinazione in base alla città dalla quale si sentono ispirati maggiormente. In seguito, i criteri adottati sono senz’altro la conoscenza della lingua e i paesi in cui le università offrono più posti.

Tutored, una community di lavoro, stage e tirocini per studenti e neo laureati ha stilato una classifica delle migliori 15 università in Europa dove fare l’Erasmus.

Progetto Erasmus: le migliori mete europee

Al 15esimo posto si trova Barcellona, in Spagna. La città offre molti pro ma c’è da tenere conto anche dei contro. Infatti, si tratta di una delle città più iconiche per l’Erasmus in quanto offre una vita sociale e culturale molto agiata. Inoltre, è stata considerata tra le 300 università al mondo per ranking accademico.  Al contrario, affrontare l’Erasmus a Barcellona consisterebbe anche nel tener conto di spese di alloggio e di vita medio alte. Infatti, l’affitto medio per una stanza si aggira attorno ai 500 euro. 

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Al 14esimo posto si piazza Vienna, in Austria. Tale città ha la fortuna di essere multiculturale e dunque la lingua inglese e parlata molto bene dalla maggior parte della popolazione. La città offre corsi formativi di altissimo livello ed è un must per le facoltà in ambito tecnico ed economico. Inoltre, la vita non è cara ed è possibile trovare un alloggio a circa 300 euro al mese. L’unica pecca della città è il tempo. Infatti, trattandosi di una città del nord Europa le temperature sono nordiche ma il freddo acquista il suo fascino.

Al 13esimo posto, secondo la classifica stilata da Tutored, troviamo Copenhagen in Danimarca. La città conta sei università ed è scelta maggiormente da chi frequenta facoltà tecnico-scientifico come ad esempio biologia e veterinaria. Geograficamente è un trampolino di lancio per molti paesi del Nord Europa. I contro sono senz’altro i costi di vita, un po’ elevati rispetto ad altri paesi.

Al 12esimo posto c’è Bruxelles in Belgio. Il paese è il cuore dell’Unione Europea e con le sue 17 università offre centri formativi di eccellenza. Per gli studenti che hanno anche voglia di far festa oltre a studiare è un must poiché offre molti locali e pub notturni. Anche qui il contro è la vita troppo cara per uno studente in Erasmus.

All’11esimo posto c’è Londra che nonostante la Brexit è ancora una meta del progetto Erasmus. Offre uno degli ambienti culturali più attivi e una vastissima scelta accademica. I lati negativi di affrontare l’Erasmus a Londra sono: i costi di vita, l’abnormità della metropoli e il fatto di trovare un alloggio ad un buon prezzo.

Al decimo posto si piazza Budapest, capitale ungherese. I pro di sceglierla come meta Erasmus sono sicuramene i costi di vita molto bassi e fa parte della top ranking delle 100 migliori città al mondo per facoltà universitarie, in particolare per le materie umanistiche. L’unico lato negativo riguarda il clima. Infatti, quest’ultimo risulta essere troppo freddo nei periodi invernali ed è bene scegliere tale meta per i periodi estivi/primaverili.

Al nono posto c’è Amsterdam ed è un’ottima meta, non solo perchè si tratta di una città attiva che non dorme mai ma perché è proprio un’ambiente giovanile con clima internazionale. La città offre 7 poli formativi e offre borse di studio per i master. I lati negativi riguardano i costi di vita e il clima nordico.

All’ottavo posto troviamo la capitale irlandese, Dublino. È una città a misura di studente, vivace e allegra. Offre tantissimo verde ed è piena di cultura. Offre 10 università e il prestigiosissimo Trinity College. I contro riguardano gli elevati costi di vita ed essendo una città ambita dagli studenti è complicato riuscire ad ottenere un posto per il progetto Erasmus.

Al settimo posto c’è Salamanca, città della Spagna. Essa è un’alternativa a Barcellona e Madrid, in quanto si tratta di una città in cui i costi di vita sono bassi ed è a misura duomo: circa 150mila abitanti. Inoltre, la città offre una delle più antiche università risalente a circa 800 anni fa. I lati negativi potrebbero riguardare la posizione geografica e il clima troppo caldo, quasi desertico.

Al sesto posto c’è Malta. Si tratta di un’alternativa a Londra e a Dublino se si intende formarsi bene in inglese. Spesso è scelta più che per lo studio, per i tirocini formativi poiché l’isola ospita numerose aziende internazionali. Il traffico e il costo della vita potrebbero essere dei contro.

Lione, in Francia è al quinto posto come meta Erasmus. Si tratta di una valida alternativa a Parigi. La città offre una vita culturale e movida studentesca. Ha un ottimo rapporto qualità/costo di vita, in media come quella italiana. Lione conta 5 università e numerosi istituti di istruzione superiore e forma 100 mila studenti circa ogni anno. Ideale per architetti e studenti di materie scientifiche.

Al quarto posto si piazza Cracovia, in Polonia. Si tratta di una meta divenuta popolate negli ultimi anni. Si tratta di una città piena di storia e conta 11 università con una vasta offerta di corsi accademici. Ha un costo di vita molto basso, infatti, un alloggio in dormitorio può costare anche 100 euro al mese. I contro riguardano sicuramente la lingua. Infatti, nonostante sia concesso studiare in inglese, la conoscenza del polacco è essenziale per vivere in questo paese.

Al terzo posto si trova Edimburgo ospitando una delle migliori università al mondo. La città è une bellezza storica e artistica ed offre una ricchissima vita sociale per gli studenti. L’unica pecca sono i costi degli alloggi che possono costare anche 500 euro al mese

Al secondo posto per affrontare al meglio il proprio Erasmus c’è Praga. La capitale della Repubblica Ceca è considerata la Parigi dell’Est Europa. Scegliere di studiare o di svolgere un tirocinio in una delle capitali più eleganti, vivaci e dinamiche dell’Ue  è  quindi un investimento sul proprio futuro. Praga conta 29 università e ha un costo della vita assolutamente abbordabile. Le uniche pecche sono il clima troppo rigido e la lingua.

Al primo posto si piazza Lisbona in Portogallo. È una città a misura d’uomo, ricca di storia e cultura. Ospita le migliori università e i migliori centri di ricerca. Lisbona, a differenza di tante altre capitali europee è senz’altro economica ed il clima è stabile.


 Gli studenti dicono sì all’Erasmus: “Con Covid-19 non si vive al 100%”

A proposito dell'autore

Noemi Costanzo

Nasce a Ragusa il 29 ottobre 1996, è attualmente laureanda in lingue e culture europee. Ha vissuto in Francia, innamorata della lingua francese, di Parigi e del pain au chocolat. Appassionata di slow travel, ama immergersi nelle culture del mondo, esplorando nuovi posti e conoscendo nuove persone. Sogna una vita in America e una carriera nel giornalismo.
Coordinatrice della redazione di LiveUnict da luglio 2021.