Scuola

Concorso straordinario scuola: quando escono i risultati

scuola
Il concorso staordinario a cattedra è cominciato: Quando si avranno i risultati? Quali sono i criteri di valutazione delle prove? Tutti i dettagli di seguito.

La prova del concorso straordinario scuola ha debuttato giovedì 22 ottobre 2020 e terminerà il 16 novembre. I posti a disposizione sono 32 mila. I partecipanti, come comunicato dal Ministero dell’Istruzione, sono più di 64 mila.

A causa di un eventuale e probabile lockdown generalizzato o localizzato per alcune aree del Paese, potrebbe rallentare la correzione della prova scritta del Concorso straordinario Docenti per il ruolo. Nei prossimi giorni, contestuali ai nuovi DPCM ci permetteranno si fare chiarezza sulla situazione e a decifrare la realtà delle cose, viste le difficoltà in cui le prove per il concorso straordinario si stanno svolgendo.

Il Bando del 28 aprile 2020 prevede un calendario delle prove scritte, pubblicato con Avviso in GU il 29 settembre. Gli Uffici scolastici regionali pubblicheranno, invece, gli elenchi dei candidati alla prova staordinaria del concorso a cattedra e la sede in cui le prove si svolgeranno.

I candidati in carenza dei requisiti di ammissione potranno essere esclusi in qualunque momento dalla procedura concorsuale.

Cosa prevedono le correzioni

Come disposto dal DD 8 luglio 2020, sarà compito delle commissioni, almeno sette giorni prima rispetto alla prova, le griglie di valutazione ( predisposte dal CTS).  Sempre nei prossimi giorni, sarà possibile prendere visione delle altre griglie di valutazione, distinte per classe di concorso.

I descrittori per la valutazione sono:

  • Padronanza delle conoscenze e competenze disciplinari in relazione alle discipline oggetto d’insegnamento (da 0 5 punti);
  • Padronanza delle conoscenze e competenze didattico metodologiche in relazione alle discipline oggetto d’insegnamento (da 0 a 5 punti);
  • Qualità dell’esposizione e correttezza linguistica e terminologica (da 0 a 5 punti);

Il punteggio sarà convertito in /80 e la prova si considera superata con un  punteggio minimo di 56/80.

Chi supererà la prova ma non rientrerà nel numero dei posti messi a bando per la propria classe di concorso nella regione scelta, potrà conseguire l’abilitazione tramite una procedura che non è ancora stata esplicitata dal Ministero.

Quando i risultati delle prove

La correzione delle prove potrebbe subire un rallentamento dovuto alla condizione pandemica in cui versa il Paese, potrebbe quindi rivelarsi non immediato l’esito.

Potrebbe essere possibile che tra la conclusione della prova scritta, la correzione e la pubblicazione degli esiti passeranno delle settimane: non prima d’inizio anno 2021, lockdown e misure restrittive da considerare.

Negli precedenti in merito ai concorsi scuola, le correzioni avevano luogo addirittura prima del termine ultimo di svolgimento delle prove, che in questo caso sarebbe il 16 Novembre.

Quest’anno l’esito delle prove per il concorso straordinario a cattedra si farà attendere un pò di più.

Norme di sicurezza

Con l’avviso del 14 ottobre, si predispone l’uso di guanti o igienizzante per le mani e la misurazione della temperatura prima dell’ingresso a scuola per ogni aspiranti docenti.

La mascherina chirurgica sarà obbligatoria per i candidati ed i guanti monouso per i tecnici.

Il 21 ottobre 2020 il Ministero ha pubblicato un nuovo modello di Autodichiarazione  per l’accesso nelle aule che sarà debitamente compilato e firmato da ogni candidato.

Quando comincia il percorso di abilitazione

Dopo aver preso visione degli esiti del concorso straordinario scuola, comincerà il percorso di abilitazione, pe il quale manca  ancora un decreto.

Il bando, DDG n.510 del 23 aprile  integrato con Decreto Dipartimentale n. 783 del 8 luglio 2020 prevedeAi vincitori della procedura concorsuale straordinaria ed immessi in ruolo nell’anno scolastico 2021/2022 che rientrano nella quota dei posti destinati alla procedura per l’anno scolastico 2020/2021 è riconosciuta la decorrenza giuridica del rapporto di lavoro dal 1° settembre 2020”.


Concorso ordinario scuola: le ultime novità sulle prove