Università in pillole

Abilitazioni professionali: prova orale unica a distanza, ma non per tutti

Il particolare momento storico cambia anche la struttura di alcune prove: tra queste quella di abilitazione per l'accesso alla professione, oggi semplificata. Ecco per quali categorie.

Nelle scorse ore, Gaetano Manfredi, ministro dell’Università, ha fornito importanti indicazioni sugli esami di abilitazione per l’accesso alle professioni. Sembrerebbe, infatti, che questi siano destinati ad essere modificati dalla corrente emergenza sanitaria.

Il ministro Manfredi ha reso noto che per le  le professioni di dottore agronomo e dottore forestale, agrotecnico, architetto, assistente sociale, attuario, biologo, chimico, geologo, geometra, ingegnere, perito agrario, perito industriale, psicologo, odontoiatra, farmacista, veterinario, tecnologo alimentare, dottore commercialista, esperto contabile e revisore legale, per la prima sessione del 2020, gli esami di Stato di abilitazione per l’acceso alla professione consisteranno in un unica prova orale a distanza.

E gli avvocati? Attualmente tale categoria non rientrerebbe nell’elenco in questione ma l’associazione  InOltre-Alternativa progressista avrebbe già proposto un emendamento volto all’inclusione della stessa.

Nel frattempo il Miur fornisce dettagli sulla prova: secondo quanto trapelato da una nota, questa verterà su tutte le materie previste dalle specifiche normative di riferimento e consentirà di accertare l’acquisizione delle necessarie competenze, nozioni e abilità richieste dalle normative riguardanti ogni singolo profilo professionale.