Scuola

TFA Sostegno 2020: prove posticipate e lezioni in estate

TFA sostegno 2020: prove posticipate e lezioni in estate. Sono queste le ultime novità legate all'emergenza Coronavirus al momento in atto in Italia.

TFA sostegno 2020


L’emergenza Coronavirus sta imponendo un forte stop a molteplici questioni: tra queste a subire un momentaneo arresto è anche il TFA sostegno 2020. Infatti, a causa dell’emergenza sociale, economica e sanitaria da Covid-19, si è reso necessario lo slittamento delle prove d’accesso al concorso TFA ad un periodo successivo a quello previsto.

Le prove d’accesso al concorso erano state fissate, con dm n. 95 del 12 febbraio scorso, al 2 e 3 aprile. Queste stesse, con decreto dell’11 marzo 2020,  sono state differite al 18 e 19 maggio. Ecco il nuovo calendario delle prove del TFA sostegno 2020:

  • 18 maggio 2020: mattina, prove per la Scuola infanzia; pomeriggio, prove per la Scuola primaria;
    ​​​
  • 19 maggio 2020: mattina, prove per la Scuola secondaria di I grado; pomeriggio, prove per la Scuola secondaria di II grado.
  • I posti a disposizione sono in totale 19.585 fra scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I e II grado. I corsi si concluderanno entro il 15 giugno 2021.

Considerata la proroga, le Università nazionali si sono affrettate nel comunicare lo slittamento della presentazione delle domande.   Questo tempo in più permetterà di acquisire la laurea o 24 CFU, requisiti di accesso alle selezioni. Per le nuove date, si consiglia di consultare i siti delle rispettive Università.

A causa dello slittamento delle prove d’accesso anche l’avvio delle lezioni subirà uno slittamento. In linea generale l’avvio delle lezioni era fissato per giugno, sulla scia della serie storica dei cicli precedenti. Adesso invece si dovrà spostare in avanti l’avvio dei corsi e dunque probabilmente intensificare l’impegno in estate, per non gravare troppo sui periodi in cui ci saranno gli impegni scolastici. Naturalmente le modalità di frequenza dei corsi saranno gestite dalle singole Università.

Ricordiamo i requisiti di accesso, che rimangono invariati

  • abilitazione specifica per la classe di concorso;
  • laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica,musicale e coreutica, oppure titolo equipollente ed equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso + 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattichesso ai percorsi di scuola secondaria di I e II grado.