Cronaca

Doping nelle palestre, perquisizioni e indagati anche in Sicilia

Una nuova inchiesta parte dalle Marche e coinvolge diverse soggetti in varie province italiane tra cui anche alcuni soggetti in Sicilia.

Parte da Ascoli Piceno una nuova inchiesta sull’importazione dall’estero di farmaci e prodotti dopanti che venivano usati nelle palestre o da ciclisti e altri sportivi per alterare le loro prestazioni o per ottenere migliori risultati e poter sfoggiare fisici più muscolosi. L’inchiesta ha visto collaborare i carabinieri del comando provinciale di Ascoli Piceno, assieme ai Nas di Ancona e ha riguardato 30 province italiane, tra cui anche Messina, Siracusa e Trapani in Sicilia.

L’indagine, coordinata dalla procura di Ascoli Piceno, è partita nel 2018 dai movimenti sospetti di un uomo di Fulignano, piccolo comune della provincia picentina, che si è scoperto gestire un’attività di importazione e vendita di farmaci e sostanze dopanti. Da lì si è scoperta la rete di vendita che si estendeva a tutta Italia, che operavano sui social per promuovere la vendita di queste sostenze, che venivano spacciate tramite ricette mediche falsificate.

I soggetti coinvolti sono in tutto 55 e sono, oltre ai venditori di queste sostanze, atleti di diverse discipline sportive e frequentatori di palestre. Il giro d’affari è stato stimato in circa 500 mila € annui. Sono accusati, a vario titolo, di ricettazione, utilizzo o somministrazione di farmaci e altre sostanze per alterare le prestazioni sportive, nonché importazione illegale e vendita di medicinali al pubblico a distanza mediante società dell’informazione senza autorizzazione.

I prodotti sequestrati venivano reperiti sul mercato dei Paesi dell’Est come Bulgaria e Polonia, ed erano in seguito fatti arrivare in Italia per essere smerciati. Erano: nandrolone, testosterone, ormone della crescita e steroidi anabolizzanti, che erano finalizzati ad alterare le prestazioni sportive, o per ottenere risultati sul fisico in maniera più veloce.

Anche in Sicilia sono state sequestrate diverse confezioni di farmaci destinati ad atleti ed alle palestre, nelle province di Messina, Siracusa e Trapani.

Rimani aggiornato