Università di Catania

Sciopero docenti: come funziona la sospensione degli esami

È iniziato oggi lo sciopero proclamato dai docenti universitari di tutta Italia. Dal 28 agosto al 31 ottobre è prevista la sospensione del primo appello d’esami della sessione autunnale 2016/17. Nonostante se ne discuta da tempo, c’è ancora qualche incertezza tra gli studenti. 

In tanti si chiedono se esista una lista aggiornata dei docenti aderenti. Secondo quanto comunicato dal Movimento per la Libera Docenza Universitaria, l’elenco che fu pubblicato inizialmente si riferisce ai 5444 professori che hanno firmato la lettera di proclamazione; ma lo stesso Movimento ha ribadito, in seguito, che può aderire qualsiasi docente o ricercatore senza firmare il medesimo documento. Ecco perché al momento non esiste una lista dei docenti aggiornata. 

Ma un’altra precisazione è molto importante. I docenti non sono tenuti a comunicare preventivamente agli Organi di Ateneo la propria adesione allo sciopero.

Si è autorizzati a scioperare solo per un giorno e, precisamente, il primo appello nel periodo che va dal 28 agosto al 31 ottobre 2017. I docenti che invece hanno più corsi con appelli nello stesso primo giorno, devono scioperare solo per il primo corso di studio se sono ad orari diversi o da tutti, se sono stati fissati per lo stesso orario o se non è stata precisata l’ora. 

I docenti che hanno fissato un solo e unico appello possono scioperare, ma sono tenuti anche a garantire un appello straordinario il quattordicesimo giorno dalla data dello sciopero, in modo tale che gli studenti non vengano totalmente penalizzati. 

Inoltre, i professori possono spostare lo sciopero al secondo appello? Questo è stato assolutamente escluso dal Movimento per la Libera Docenza Universitaria; se ciò avvenisse, l’azione del professore non rientrerebbe più nello sciopero autorizzato. E, soprattutto, lo sciopero non include le sessioni di laurea. 

Leggi anche: