Attualità In Copertina Lavoro, stage ed opportunità

GIORNALISTA: tra sogno e realtà.Tutto quello che c’è da sapere prima dell’esame

Per molti di noi scrivere è un diletto, un bisogno, una necessità: siamo alla continua ricerca della fonte di ispirazione appropriata e quando la lampadina si accende abbiamo bisogno subito di carta e penna per poter trascrivere quanto sopraggiunto; per altri scrivere è (anche!) un lavoro, come nel caso dei giornalisti. Quanti di noi sognano o hanno sognano di diventare come la Fallaci, come Umberto Eco o Giorgio Faletti, ma tra il sogno e la realtà, tra il dire e il fare, come dice un vecchio proverbio, c’è di mezzo il mare, o forse potremmo dire “cominciare”. Cominciare a chiarirsi le idee sull’iter da seguire per diventare giornalista.

Iniziamo da quelle che potrebbero essere per molti domande banali, ma per altri non lo sono affatto anzi costituiscono elementi basilari per una buona informazione a riguardo.

  1. Chi è il giornalista è qual è la differenza che vi è tra un professionista e un pubblicista?
  2. Come si diventa giornalisti?
  3. In cosa consiste l’esame giornalista 2014-2015?

Chi è il giornalista? Quali sono le differenze tra giornalista pubblicista e professionista?

Per rispondere alla prima domanda, riporto una citazione del grande Umberto Eco che scrive:

Il giornalista è uno storico del presente, ma non sempre i buoni libri di storia si scrivono in un giorno, spesse volte in un’ora, spesse volte in un minuto.”

Il giornalista o reporter, opera nel campo dell’informazione, nel settore in particolare del giornalismo, e si occupa di scoprire, analizzare, descrivere e scegliere notizie. “Il giornalista redige articoli, inchieste o editoriali per testate giornalistiche periodiche o agenzie di stampa, su un mezzo di comunicazione di massa che può essere carta stampata, radio, televisione o internet”.

Esistono due sottocategorie di giornalisti: il pubblicista e il professionista. Entrambi raccolgono, rielaborano e diffondono notizie e informazione tramite canali differenzi di comunicazione di massa; entrambi sono a caccia di notizie come investigatori minuziosi che raccolgono dati, interviste e stendono articoli, recensioni, cronache, reportage, servizi televisivi e radiofonici. Allora in cosa consiste la differenza? Sono due gli elementi fondamentali che caratterizzano una sottocategoria dall’altra e cioè la tipologia di contratto e di lavoro da svolgere.

redazioneRiguardo il CONTRATTO,  il pubblicista nasce come tale dopo aver svolto ALMENO due anni di attività giornalistica non occasionale e retribuita e risulta iscritto all’Albo dei giornalisti nell’Elenco Pubblicisti, può svolgere contemporaneamente all’attività giornalistica altri impieghi o professioni. Il professionista invece non solo è provvisto di laurea in Scienze delle Comunicazione, Lettere Moderne, in lingue o lauree attinenti a queste, ma svolge in modo continuativo ed esclusivo questa mansione: per questo risulta iscritto all’Albo dei giornalisti nell’elenco dei Professionisti.

Riguardo la TIPOLOGIA di lavoro da svolgere, il pubblicista nasce come un appassionato, come una figura che mette a disposizione delle testate giornalistiche per cui lavora le proprie competenze su uno specifico argomento che lo riguardano in modo da poter scrivere e divulgare info inerenti alla propria materia di interesse. Invece il giornalista professionista necessita di una padronanza tecnica e globale in tutti i suoi aspetti della sua professione: deve trattare complessivamente qualunque tematica gli venga richiesta dal giornale o l’ente mediatico per cui lavora.

Come diventare giornalista?Questa domanda, dopo aver fatto la distinzione tra giornalista pubblicista e professionista,  si sdoppia in “come diventare Pubblicista e come diventare professionista”, dal momento che i percorsi da intraprendere sono differenti.

Pratica ed esame giornalista come GIORNALISTA PUBBLICISTA

Per prima cosa bisogna entrare in collaborazione con un giornale attraverso una regolare iscrizione al Tribunale. E’ fondamentale la regolarità del contratto e l’attendibilità della testata perché nel caso in cui essi non venissero rispettati, il lavoro non verrebbe riconosciuto. Chiaramente, di questi temi, non è cosa facile ricevere risposta positiva da una delle redazioni contattate, ma nel caso in cui ciò accadesse si viene riconosciuti come “praticanti”. Bisogna ALMENO pubblicare 70 articoli nel corso di 24 mesi mantenendo continuità. Inoltre è FONDAMENTALE che sia il datore di lavoro che il direttore del giornale siano testimoni di aver retribuito (anche se di non molto) il praticante.  Conclusa questa fase, occorre presentare in Tribunale il modello F24 pagato e una dichiarazione compiuta dal commercialista dell’editore riguardo l’impegno preso nei confronti del praticante nel corso dei due anni trascorsi. Bisogna in seguito procurarsi i certificati di cariche pendenti e il casellario giudiziale (da richiedere al Tribunale della propria città). Infine per attestare il praticantato svolto, occorre conservare quelle pagine di giornale su cui sono stati redatti i propri articoli. Infine, lo step conclusivo consiste nell’inoltrare la richiesta di iscrizione all’Albo dei Giornalisti con marca da bollo: questo modulo andrà consegnato alla sede regionale dell’OdG aggiungendo una quota di 35 euro.

Terminato ciò, spetterà al consiglio dell’ODG l’esame delle pratiche inoltrate in modo da far avere risposta, dopo un lasso di tempo piuttosto breve, una risposta positiva o negativa che sia all’aspirante pubblicista.  Nel caso di esito affermativo, sarà possibile procedere con l’iscrizione all’Albo dei Giornalisti, sezione pubblicista, e disporre di un “tesserino” a testimonianza della propria professione.

Diventare-un-giornalista-pu Come diventare giornalista professionista

Più insidiosa si rivela la strada da percorrere per intraprendere la carriera di giornalista  professionista: questa infatti prevede anche l’esame giornalista prima di poter accedere  all’Albo. Per aver facilitata la strada, la soluzione migliore da attuare è quella di  frequentare una delle dodici scuole di giornalismo esistenti su tutto il territorio italiano  e (cosa fondamentale!) RICONOSCIUTE dall’OdG. Sono scuole di durata generalmente  biennale che permettono di acquisire conoscenze specifiche di carattere tecnico e  teorico per poter svolgere praticantato presso una testata giornalistica registrata  regolarmente in Tribunale.

I requisiti per poter diventare giornalista professionista sono:

  • Aver compiuto i 21 anni
  • Praticantato giornalistico continuativo previa iscrizione nel registro dei praticanti per almeno 18 mesi, attestato da una dichiarazione di compiuta pratica del direttore, oppure titolo rilasciato da una delle scuole di giornalismo riconosciute in Italia che attesti il tirocinio dell’allievo per due anni;
  • Il possesso dei requisiti di legge necessari quali cittadinanza, assenza di precedenti penali, attestazione di versamento della tassa di concessione governativa;
  • Esame Giornalista: l’esito favorevole della prova di idoneità professionale, consistente in una prova scritta e orale di tecnica e pratica del giornalismo integrata dalla conoscenza delle norme giuridiche che hanno attinenza con la materia del giornalismo.

 L’esame giornalista 

Una volta terminato il praticantato classico o usciti dalle scuole di formazione, occorre sostenere l’esame giornalista che si compone di due prove, una scritta e una orale.

La prova scritta ha una durata di 8 ore, e consiste nella redazione della sintesi di un articolo tra quelli proposti dalla commissione per un massimo di 1.800 battute, nella risposta a questionari su temi di attualità e di cultura politico-economico-sociale concernenti l’esercizio della professione e, infine, nella redazione di un articolo della lunghezza massima di 2.700 battute su un argomento di attualità scelto dal candidato tra quelli proposti dalla commissione.

La prova orale invece consiste in  colloquio atto a valutare l’effettiva conoscenza del candidato dei principi della deontologia giornalistica, delle norme giuridiche del mondo giornalistico e delle tecniche collegate all’esercizio della professione.

L’esame giornalista per quest’anno si terrà martedì 28 Ottobre 2014.

Maria Eleonora Palma

Autore - Sono nata il lontano 24 Novembre del 1993 a Vittoria, una piccola città in provincia di Ragusa. Mi divido tra Catania, dove frequento il primo anno della facoltà di Scienze e Tecniche Psicologiche, e la mia città natale che amo tanto e a cui sono legati ricordi, amicizie e impegni vari. Sono una persona piuttosto socievole e accogliente, amo fare nuove esperienze (per questo piuttosto spesso mi ritrovo in situazioni buffe e stravaganti, comunque… sorvoliamo la faccenda!). Mi piace molto scrivere, leggere libri di tutti i generi e sono da ormai 4 anni educatrice in ACR (Azione Cattolica Ragazzi). I bambini sono il mio piccolo laboratorio: mi piacerebbe in futuro lavorare con loro, e grazie a questa opportunità ho scoperto pian piano che i bambini non sono dei piccoli “mostriciattoli capricciosi”, anzi un continente di emozioni, pensieri e comportamenti da scoprire. E’ molto bello e gratificante lavorare e avere a che fare con loro, spesso sono più sensibile e profondi degli adulti. Mi piacciono gli animali, anche se per ragioni di spazio, non ne tengo alcuno a casa. L’ultimo libro che ho letto è Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, uno dei miei libri preferiti, riletto più volte, questa è la terza, e credo uno dei testi meglio riusciti sull’autismo infantile. Non appena riuscirò a ritagliarmi un po’ di tempo, vorrei iniziare un corso di fotografia. Quello che mi manca è la Reflex, ma questo non è un problema.

Da TWITTER

#Arte: opera di Jean #Calogero donata alla città di #Catania https://catania.liveuniversity.it/2019/11/18/catania-jean-calogero-arte/

معلومات جديدة عن علاقة الحكومة الايطالية بمهربي البشر في #ليبيا
Reporter siciliano sotto tutela: "Chi è Bija, il trafficante di migranti ospitato in Sicilia" https://catania.liveuniversity.it/2019/11/18/bija-traffico-migranti-nello-scavo/ via @liveunict

#Turista messicano fa il giro del mondo in moto: gliela rubano a #Catania https://catania.liveuniversity.it/2019/11/18/catania-turista-spagnolo-furto-moto/

Load More...