Terza Pagina

10 regali natalizi brutti che abbiamo ricevuto almeno una volta nella vita

Natale giornate con i parenti, giocate a carte, lunghi pranzi/cenoni e regali. Ma soprattutto regali brutti. La frase ricorrente è “conta il pensiero”, ma davanti a certi obbrobri sarebbe meglio restare a mani vuote

Natale è alle porte e tutti siamo alle prese con la frenetica corsa ai regali. Per alcuni la ricerca è meticolosa, l’importante è trovare un bel regalo e fare bella figura. Per altri, invece, la priorità è non presentarsi a mani vuote. Così facendo, si cade nell’orribile tunnel del regalo brutto che tutti abbiamo almeno una volta nella vita ricevuto o regalato. Ma cos’è precisamente il regalo brutto? Si tratta del terrore di ogni Natale. L’oggetto dall’utilità dubbia, non di nostro gusto e dalla bellezza discutibile. A volte il regalo brutto si cela dietro una bella e illusoria confezione, ma  mostra tutta la sua bruttezza, accompagnata dall’amara delusione, solo al momento dello “spacchettamento”. E va bene che è il pensiero che conta (anche se in questi casi sarebbe meglio non essere presi in considerazione), ma reagire in maniera entusiasta davanti a tali regali è davvero difficile.

Tra un paio di calzini e gli immancabili sali da bagno, ecco i 10 regali brutti che tutti abbiamo ricevuto almeno una volta nella vita.

1. Biancheria intima scomoda

Dalle mutandone alla Bridget Jones agli slip molto molto scomodi. Per non parlare dei reggiseni dai colori sgargianti e dalle misure sbagliate. Il business della biancheria intima improponibile è in rapida ascesa soprattutto a Natale.

2. Un presepe

È successo, purtroppo. Tra i regali trovati sotto l’albero c’è stato anche un presepe. O meglio, una grotta con tanto di Gesù, Giuseppe, Maria, bue, asinello e gli immancabili re magi. Un regalo a lunga durata sicuramente, ma di certo non molto gradito.

3. Tovaglie natalizie per il corredo

Le nonne sono esseri meravigliosi, tranne quando non fanno altro che ripetere “ma quando ti sposi?”. Ed così che, con la speranza che quel giorno prima o poi arrivi, la nonna inizia a pensare al corredo per i nipoti. Per mantenersi in pieno mood natalizio come regalo opta per la tovaglia da tavola rossa con gli alberi di natale, i tovaglioli di stoffa con  i fiocchi e i guanti da cucina con Babbo Natale.

4. Calze gallo

Fare un regalo ad un uomo è molto più complicato in quanto il campo è decisamente più ristretto. Quindi, spesso capita che sotto l’albero si trovino sempre loro: le calze gallo. Un must tra i regali fatti di fretta e con poca cura.

5. Sali da bagno

Come ogni anno ritornano loro, i sali da bagno. Ormai ne abbiamo una collezione, di tutti i tipi, colori e profumi.

6. Libri generalisti

Amiamo leggere e questo i nostri parenti lo sanno. Allora pensano di andare sul sicuro regalandoci un bel libro. Peccato che spesso sbagliano nella scelta. Ci aspettiamo Milan Kunder e invece riceviamo E. L. James.

7. Orrendi soprammobili

Un altro “è il pensiero che conta” che finisce nella spazzatura a fine serata.

8. Profumo

Se c’è una cosa che a Natale non si dovrebbe regalare, a meno che non è stato espressamente richiesto, è il profumo. Si tratta di una cosa personale che andrebbe scelta con attenzione e solo se si conosce veramente bene quella persona.

9. Candele

L’unica domanda è: perché?

10. Guanti e sciarpe

I grandi classici di ogni natale. Apprezzati e molto usati, specialmente durante le lunghe giornate invernale. Ma ormai ne abbiamo così tanti a furia di riceverli ogni anno che potremmo aprire un negozio.