Sogno lucido: si possono controllare i propri sogni?

A chi non è mai capitato di sognare qualcosa di estremamente piacevole, ma proprio sul più bello venire svegliati e quindi perdere il filo di quella storia in cui ci stavamo tanto bene?

 

Controllare i propri sogni è molto difficile, ma non impossibile. Uno studio australiano ha infatti condotto una ricerca, come riportato sulla rivista Focus, in cui viene spiegato come poter riuscire ad avere un sogno lucido. 

Il sogno lucido consiste in un viaggio notturno nel quale chi sogna riesce a tessere la trama del racconto in cui si trova direttamente coinvolto e può dare alla storia l’esito che desidera, con il risultato di avere la possibilità di vivere un’esperienza piacevole o, a volte, spiacevole.

La ricerca in questo ambito è ancora poco sviluppata, ma questo studio australiano sembra aver trovato un metodo che faciliterebbe i viaggi onirici a comando. 170 volontari sono stati selezionati dall’Università di Adelaide e sono stati sottoposti a tre differenti metodi che potessero facilitare l’esperienza del sogno lucido.

Come spiegato su Focus.it, la prima tecnica consisteva nel testare gli individui e le loro abitudini in stato di veglia, in modo tale da riconoscere le abitudini che si assumevano, riprenderle durante il sogno e quindi riuscire a controllarlo. Se ad esempio un volontario prendeva l’abitudine di serrare le labbra ed inspirare spesso, aveva la possibilità di percepire questa sensazione anche da dormiente e quindi pensare di essere sveglio e controllare le azioni che effettuava.

La seconda tecnica consisteva nel risvegliarsi periodicamente ogni 5 ore per pochi minuti, e questa veniva unita alla terza, che veniva aggiunta con la differenza che in quest’ultima si attuava il MILD (mnemonic induction of lucid dreams), ovvero la capacità di appuntarsi nella memoria delle cose da fare in futuro. I volontari, infatti, venivano periodicamente svegliati con il compito di ripetersi più volte “la prossima volta che starò sognando, mi ricorderò che sto sognando”.

Non tutti i volontari sperimentavano tutti e tre i metodi, ma chi veniva scelto per attuarli tutti ha riportato di aver avuto un sogno lucido nel 17% dei casi. Ma a che scopo condurre questa ricerca? La tecnica del sogno lucido potrebbe servire nel trattamento di disturbi da stress o di sogni disturbati da incubi. Al momento, comunque, le possibilità di studiare il mondo onirico sono vastissime e ancora inesplorate.

Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
Università, il post-laurea confonde gli studenti: “E adesso…che faccio?”

Nella vita di uno studente l'università è una grande garanzia e fonte di certezze. Fin tanto che si è dentro...

Chiudi