Esame avvocato 2017-2018: ufficializzate le date

Il bando in Gazzetta Ufficiale. Ecco i giorni delle prove e come presentare la domanda.

Nella Gazzetta Ufficiale n°64 dello scorso 25 agosto è stato pubblicato il bando per l’esame di avvocato che si svolgerà tra il 2017 –  3 le prove scritte da affrontare – ed il 2018 (prova orale).

Le prove scritte si terranno nelle sedi delle Corti d’Appello. Questi i giorni stabiliti:

  • 12 dicembre 2017: parere materia regolata dal Codice Civile;
  • 13 dicembre 2017: parere materia regolata dal Codice Penale;
  • 14 dicembre 2017: redazione atto giudiziario (diritto privato, penale e amministrativo).

La data dell’orale, invece, dipende da quando saranno noti i risultati delle prove scritte. La prova consiste nella discussione di questioni inerenti a cinque materie a scelta dal candidato. Gli argomenti, tra cui uno deve essere di diritto processuale, sono:

  • diritto costituzionale;
  • diritto civile;
  • diritto commerciale;
  • diritto del lavoro;
  • diritto penale;
  • diritto amministrativo;
  • diritto tributario;
  • diritto processuale civile;
  • diritto processuale penale;
  • diritto internazionale privato;
  • diritto ecclesiastico;
  • diritto comunitario.

Alla prova orale accede solamente chi agli scritti ottiene un punteggio complessivo di almeno a 90 punti, con un valutazione non inferiore a 30 in almeno due prove.

Per inviare la domanda di partecipazione all’esame avvocato c’è tempo fino al 13 novembre. La richiesta viene effettuata esclusivamente per via telematica, tramite il sito ufficiale del Ministero della Giustizia.

Una volta registrato il candidato dovrà compilare l’apposito modulo – già disponibile – nel quale va indicata la Corte d’Appello dove sostenere l’esame. Possono inviare la domanda anche gli aspiranti avvocati che non hanno ancora completato la pratica professionale; l’importante è che si mettano in regola entro il 10 novembre 2017.

I costi da sostenere per l’iscrizione sono:

  • 12,91 € da versare presso una banca o un’agenzia postale utilizzando il modulo F/23, indicando come tributo la voce 729/T e come codice ufficio quello della sede dell’Agenzia delle Entrate relativa al proprio domicilio fiscale;
  • 50 € da versare o tramite bonifico postale (IBAN: IT08O0760114500001020171540, intestato alla Tesoreria dello Stato, indicando nella causale «Esame avvocato anno 2017 – capo XI cap. 2413 art. 14) o bollettino postale (n. 1020171540 intestato alla Tesoreria dello Stato indicando nella causale «Esame avvocato anno 2017 – capo XI cap. 2413 art. 14) o attraverso un versamento in conto entrate tesoro presso una qualsiasi sezione della Tesoreria dello Stato;
  • 16 € di marca da bollo, infine, per il modulo da depositare – o spedire tramite raccomandata con ricevuta di ritorno – alla Corte d’Appello dove si sosterrà l’esame.
Articoli simili


Articoli scritti dalla Redazione.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
CATANIA – Copertura in vetro per proteggere altarino di Sant’Agata

Dopo i numerosi atti vandalici avvenuti negli ultimi mesi a danno dell'altarino di Sant'Agata, l'amministrazione comunale ha deciso di installare...

Chiudi