UNIVERSITÀ – La classifica delle migliori città in cui studiare

Il sito “Top universities” fornisce la graduatoria delle migliori università internazionali, alla quale se ne affiancano altre, tra cui quella delle “Top cities”, le migliori città dove studiare, abbastanza utile per i numerosi studenti che scelgono di formarsi all’estero. Nessuna città italiana compare nella Top 10. 

 

Bisogna scorrere fino alla posizione 33 per trovare Milano come prima città italiana scelta dagli studenti fuori sede, italiani e non. I criteri di valutazione, in questo caso, non fanno riferimento solo agli studi ma anche alla qualità della vita delle città in questione e sopratutto ai costi – specie in termini di affitto. Il primato di Milano si associa anche a quello della prestigiosa Bocconi, anche quest’anno classificatasi ai vertici degli atenei nazionali, sebbene molti studenti stranieri siano particolarmente affascinati dagli studi nel settore della moda e del design, promossi dal Politecnico milanese.

La seconda città italiana preferita è Roma, solamente al 65° posto delle migliori 100 mondiali, sebbene Bologna, non inserita nella graduatoria in questione, continui ad affascinare moltissimi studenti, specie ERASMUS, per la sua storia e vivacità culturale. Quanto agli studenti esclusivamente italiani, altre città gettonate nel 2017 sono Pisa, Siena, Firenze, Torino, Venezia e Urbino; per il Sud, hanno maggior gradimento solo Napoli e Salerno.

Quasi a sorpresa, la prima città preferita dagli studenti di tutto il mondo è Montreal, che si lascia alle spalle le big come Parigi e Londra. Quarto posto, anche questo a sorpresa, per la ultramoderna Seul, nell’estremo Oriente; la prima delle “americane” è Boston (8° posto), mentre a rappresentare l’Oceania tra le prime 10 vi è Melbourne (6° posto). A chiudere la top 10 un’altra canadese: Vancouver.

Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
WHATSAPP – Chat eliminate? Come recuperarle con un click

WhatsApp conserva le chat eliminate su iPhone per permettere agli utenti di recuperarle. Quante volte ci siamo pentiti di aver...

Chiudi