A lezione con Voyager: la nuova funzione di Google Earth utile agli studenti

A pochi mesi dal lancio di Voyager, che consente tour virtuali intorno al mondo, Google Earth diffonde una nuova versione dedicata a insegnanti e studenti.

Quante volte a scuola avremo studiato le grandi imprese di Colombo, Vespucci, Magellano e tutti i grandi esploratori? Da oggi in poi le prime esplorazioni intorno al mondo non saranno solo più teoria, ma, grazie ai programmatori di Google Earth, si potrà vivere e imparare la storia in maniera interattiva e più stimolante.

Appena qualche mese fa, infatti, Google Earth aveva annunciato, in conferenza stampa, il lancio di una nuova funzionalità dell’applicazione, Voyager, che consente di effettuare dei tour virtuali realistici delle più grandi città del mondo. Visitare Parigi, passeggiare lungo la Senna, o, ancora, ammirare il Big Ben, o trovarsi immersi nel traffico e nelle luci di Time Square, grazie a Voyager non è mai stato così semplice.

L’applicazione, realizzata in collaborazione con Bbc, Nasa e National Geographic, offre non solo dei tour virtuali a 360 gradi, bensì anche storie tematiche legate alla natura, all’architettura e alla cultura, avvalendosi di una miscela di immagini, testi, tracce audio e video.

La nuova funzionalità s’indirizza direttamente a docenti e studenti, proponendosi di diventare un mezzo educativo valido e stimolante per lo studio della geografia, della storia e dell’ambiente. Al momento l’applicazione consta soltanto di dieci storie, che vanno dalla storia delle grandi esplorazioni alle scoperte scientifiche, e, sebbene usufruibili anche in Italia, sono disponibili solo in inglese.

Le storie sono state realizzate da National Geographic e altre istituzioni nell’ambito della ricerca e divulgazione di tematiche scientifiche ambientali, tra le quali PBS Education, HHMI Biointeractive e Mission Blue. Andare sulle tracce di Cristoforo Colombo, Caboto e Vespucci diventerà così un gioco da ragazzi, così come apprendere le imprese dei primi esploratori francesi alla scoperta del Nord America. Sarà, infine, possibile rivivere in 3D l’epopea dei vichinghi, o “immergersi” nelle profondità del mare, grazie a dei tour virtuali volti a illustrare la biodiversità degli ecosistemi marini.

Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
ERSU – Comunicata la data di chiusura estiva delle aule studio universitarie

Dopo la comunicazione della chiusura relativa al periodo estivo delle mense universitarie e delle residenze appartenenti all'Ersu di Catania, con...

Chiudi