UNICT – Incontro con Nicola Gratteri su criminalità organizzata, territorio e governo

La Scuola Superiore di Catania, a Villa San Saverio, ospiterà il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri per un incontro sulla criminalità organizzata.

Martedì 6 giugno alle ore 17:45, nell’aula magna di Villa San Saverio, si terrà un incontro sul tema “Padrini e padroni – La criminalità organizzata, il territorio, il governo” con due ospiti di particolare importanza: il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri e il sociologo Carlo Colloca che converseranno a partire dal volume scritto a quattro mani da Nicola Gratteri e Antonio Nicaso “Padrini e padroni – Come la ‘ndrangheta è diventata classe dirigente” (Mondadori, 2016). Il libro si occupa di indagare, in maniera puntuale e accurata, i rapporti tra ‘ndrangheta, mafie e territorio, concentrandosi in particolare sulla tematica della corruzione, che – secondo gli autori – sarebbe strumento principale dalle mafie per espandersi e diventare classe dirigente. La mafia non può esistere senza l’appoggio della politica e la corruzione è il mezzo privilegiato per arrivare in alto. È così, spiegano gli autori, che la ‘ndrangheta ha fatto eleggere i propri rappresentanti anche nel Nord Italia.

Nicola Gratteri, procuratore dal 2016, è da sempre impegnato in prima linea contro la ‘ndrangheta e vive sotto scorta dal 1989. Nel 2013, Enrico Letta lo nomina componente della task force per l’elaborazione di proposte di legge in tema di lotta alla criminalità organizzata. Antonio Nicaso è uno storico delle organizzazioni criminali e uno dei massimi esperti di ‘ndrangheta nel mondo. Ha scritto “Fratelli di sangue” (Pellegrini 2006), “La malapianta” (Mondadori 2010), “La giustizia è una cosa seria” (Mondadori 2011), “Male lingue” (Pellegrini Editore 2014), “Oro bianco” (Mondadori 2015).

Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
Che cos’è la destra, cos’è la sinistra? I giovani bocciano le ideologie

Indifferenza, disillusione, sensazione di non essere al centro delle politiche nazionali. Sono queste le parole d'ordine della relazione tra giovani...

Chiudi