Chi legge è più gentile ed empatico: la ricerca dell’Università di Kingston

Il Maggio dei Libri a Catania è ormai iniziato ufficialmente, tantissime le manifestazioni organizzate per celebrare e diffondere un’attività che, secondo uno studio condotto da ricercatori dell’Università Kingston di Londra, favorisce lo sviluppo di specifiche capacità sociali. Ma la scoperta più interessante riguarda il genere narrativo preferito: sembra che ciascuno sviluppi una capacità relazionale differente. 

I ricercatori della Kingston University hanno messo alla prova le capacità relazionali di 123 partecipanti e delle importanti differenze sono emerse a seconda di come ciascuno trascorre il suo tempo libero. I lettori si sono rivelati essere decisamente molto più empatici e gentili rispetto a chi preferisce stare davanti la tv o giocare ai videogame. Una scoperta che conferma una diffusa opinione comune. Infatti la vera novità risiede in un’altro punto della ricerca.

I risultati dell’analisi hanno mostrato che leggere un genere narrativo piuttosto che un altro incide sullo sviluppo di specifiche capacità relazionali. Chi preferisce il fantasy sviluppa con semplicità comportamenti sociali positivi, i lettori di romanzi drammatici e romantici hanno grandi capacità empatiche.  Gli appassionati di generi sperimentali sembrano essere quelli più bravi nel vedere le cose da punti di vista differenti, invece gli amanti del genere comedy sono in assoluto quelli che hanno totalizzato più punti per la capacità di intessere relazioni sociali soddisfacenti.

Secondo i ricercatori la causa dei benefici garantiti dalla lettura si deve attribuire alla possibilità di immergersi a fondo nella mente altrui, che solo questa attività permette di compiere ad un livello così alto: guardare i fatti con occhi di personaggi che hanno un carattere diverso dal nostro  ci aiuterebbe ad aumentare le nostre capacità empatiche e la sensibilità nell’osservazione del mondo che ci circonda, ma anche di quello nascosto sotto la pelle degli altri esseri umani.

In conclusione, emerge come la lettura si possa considerare un vero e proprio medicinale per la mente ed il cuore, contro la sociopatia e la cinicità. Una considerazione che ci fa comprendere l’importanza di spazi come la Piazza dei Libri di Catania e di manifestazioni quali il Maggio dei Libri, che anche quest’anno fa rotta a Catania.

Leggi anche: CATANIA – Torna Il Maggio dei Libri: tutti gli appuntamenti con la lettura

Articoli simili

Advertisement

script async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js">
Leggi articolo precedente:
MUSICA – Nobraino in concerto gratuito ad Acireale

I Nobraino tornano a suonare nel Catanese. La band guidata da Lorenzo Kruger (voce e piano) e formata da Néstor...

Chiudi