SCUOLA – Docenti di sostegno, il TFA siciliano è il più “salato” d’Italia

3700 euro è il costo previsto dagli atenei siciliani per i vincitori del Tirocinio Formativo Attivo dedicato al sostegno degli studenti affetti da disabilità. I posti disponibili sono 1185.

 

Sono 9.649 i posti disponibili in tutta Italia per gli aspiranti insegnanti di sostegno che supereranno le prove di accesso al terzo ciclo di Tirocinio Formativo Attivo. In Sicilia, però, la frequenza del corso di abilitazione erogato dalle università sarà soggetta al costo più oneroso a livello nazionale: 3700 euro contro, ad esempio, i 2500 di tre atenei toscani (Firenze, Pisa e Siena). Anche la tassa di iscrizione, fissata a 150 euro per Catania, Messina e Palermo e a 200 euro per la Kore di Enna, ha un costo maggiore. In molti atenei la cifra si aggira tra i 90  (Genova) e i 100 euro. Solo in Campania e nelle Marche gli importi si avvicinano a quelli siciliani.

Chi passerà il quizzone del 25 e 26 maggio, potrà sostenere la prova scritta e riportando una votazione maggiore o uguale a 21/30 la prova orale. I risultati delle prove insieme ai titoli in possesso, ad eventuale anzianità oppure giovane età saranno i criteri principale per decretare i vincitori.

In Sicilia, il Miur ha reso disponibili 200 posti per la scuola dell’infanzia (20 a Catania, 20 alla Kore di Enna, 40 a Messina e 120 a Palermo); 590 per la primaria (60 a Catania, 50 a Enna, 160 a Messina e 320 a Palermo), 190 posti per la scuola media (50 a Catania, 65 a Enna e 75 a Messina) e 205 per la scuola secondaria di secondo grado (60 a Catania, 65 a Enna e 80 a Messina).

 

Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
FACEBOOK – Arrivano le reazioni anche per i commenti

Da qualche ora, su Facebook, sono arrivate le reactions anche per i commenti, dando la possibilità agli utenti di esprimere...

Chiudi