UNICT – Prosegue ULTRAPLACAD, progetto di ricerca finanziato dall’Unione Europea per la diagnosi del tumore colorettale

Grazie al programma di ricerca e innovazione Horizon 2020, finanziato dall’Unione Europea, il progetto ULTRAPLACAD procede nelle varie fasi di preparazione. Nelle successive fasi del progetto verranno selezionate le nanostrutture più efficienti e verrà completata l’integrazione delle varie componenti in un’unica piattaforma che sarà realizzata nella forma di un prototipo industriale. Verrà anche completato lo sviluppo dei saggi di rivelazione e del processo di fabbricazione dei chip monouso. Il progetto si concluderà con la validazione della piattaforma ULTRAPLACAD da parte dei partner clinici. A coordinare il tutto, il Prof. Giuseppe Spoto, INBB/Univ. Catania,  e la Project Manager Elena Turco, AMIRES, Repubblica Ceca. 

Il progetto mira a sviluppare una nuova piattaforma diagnostica che, sfruttando in modo integrato dispositivi microfluidici e nanostrutture utili a generare effetti plasmonici, rivelerà marcatori tumorali quali DNA circolanti, microRNA e autoanticorpi associati al tumore (a-TAAs).  La nuova piattaforma diagnostica, infatti, partendo da un semplice prelievo di sangue, permetterà di migliorare l’efficienza dei test di diagnostica precoce del tumore e consentirà di attuare una migliore personalizzazione della terapia da assegnare al paziente, rendendo più efficiente anche il monitoraggio clinico nel tempo.

 Il gruppo comprende, tra gli altri, due tra i primi cinque più importanti ricercatori nel mondo operanti nell’ambito della plasmonica, oltre che l’inventore del surface plasmon microscopy – tecnica anche nota come surface plasmon resonance imaging – e della plasmon-enhanced fluorescence spectroscopy. ULTRAPLACAD ha organizzato un consorzio europeo (13 partner operanti in 7 nazioni) in grado di affrontare non solo la progettazione e la realizzazione di piattaforme diagnostiche e di chip microfluidici a basso costo ma anche i vari aspetti collegati allo sviluppo ed alla produzione su larga scala. Le attività del progetto si sono avviate nel maggio 2015 con la definizione delle specifiche del prototipo industriale che verrà realizzato. Nel corso dei primi 18 mesi del progetto sono state definite le geometrie delle nanostrutture su cui si baseranno le nuove tecnologie di plasmoniche che verranno messe a punto.

Nel Settembre 2016 ULTRAPLACAD è stato inserito tra le “Success stories” segnalate dal canale informativo dalla direzione Research & Innovation della Commissione Europea

 

Articoli simili


Articoli scritti dalla Redazione.

Advertisement

Banner_UniAthena 300x250_gif
script async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js">
Leggi articolo precedente:
ULTIM’ORA – Chiuso per cenere l’aeroporto di Catania Fontanarossa

SAC informa che, con la ripresa dell’attività eruttiva dell’Etna e l’emissione di una consistente quantità di cenere in atmosfera, l’Unità...

Chiudi