WhatsApp, in autunno nuovo sistema di sicurezza: come abilitarlo

 

Un doppio sistema di verifica sta per invadere WhatsApp, come è già successo a Twitter e a Google. Si tratta di un meccanismo che si appoggia a piattaforme molto utilizzate dagli utenti e che richiede proprio a questi di autentificarsi due volte.

Perché? Sicuramente per aumentare il livello della sicurezza online che oggi deve fare i conti con ladri di profili e distruttori della privacy.

La novità consiste nell’inserimento di un numero di cellulare nelle impostazioni del proprio profilo, in modo tale da poter facilmente inviare un codice di verifica che sarà immesso dall’utente stesso, se si tratta della stessa persona che sta tentanto di effettuare l’accesso all’account. Ecco svelato il mistero di tanta trafila di codici e messaggi: se qualcuno sta tentando di impossessarsi del nostro account o profilo sarà subito bloccato perché il vero proprietario riceverà un messaggio con un codice di verifica, che però non ha richiesto lui.

Nei prossimi mesi questo strumento sarà applicabile a WhatsApp, sia per utenti iOS che Android. Ricordiamo che l’app di messaggistica istantanea conta oggi circa 1,2 miliardi di persone, che si ritroveranno a breve ad effettuare l’accesso due volte. In che modo?

La prima fase prevede il normale accesso all’app dal proprio smartphone, la seconda invece consta di un codice di sei cifre che deve essere generato dagli utenti al momento dell’avvio della nuova funzione. Il codice non verrà richiesto con cadenza quotidiana ma settimanale e ci permetterà di accedere tranquillamente alla nostra chat. La procedura di abilitazione della funzione tramite WhatsApp è la seguente:

  • Andare su “Impostazioni”
  • Recarsi nella sezione “Account”
  • Cliccare su “Verifica a due fattori”
  • Selezionare “Abilita”.
Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
Decreto per il recupero della cultura umanistica: si punta solo sui prodotti made in Italy?

Tra le proposte della ormai famigerata legge 107 dell' ex - governo Renzi, meglio nota come “Buona scuola” vi è...

Chiudi