UNIVERSITÀ – I laureati italiani tra i più sottopagati d’Europa

Eurostat conferma che l’Italia si affianca a Grecia, Spagna e Portogallo per il salario garantito ai lavoratori laureati. Nel 2014 la media europea dei laureati con un impiego era l’80% contro il 52,9% del Belpaese.

Risultati immagini per lavoratori europei

Alcuni mesi fa il Ministero dello Sviluppo Economico aveva realizzato una campagna per promuovere gli investimenti stranieri in Italia; lo slogan “Un ingegnere in Italia guadagna in media 38.500 euro all’anno contro i 48.500 che si incassano nel resto d’Europa” aveva sollevato indignazione e perplessità di non pochi lavoratori precari e dei loro rappresentanti.

Sempre quest’anno i dati Eurostat hanno comprovato che purtroppo gli italiani sono tra gli ultimi in classifica per i bassi salari. Lo sconforto è maggiore se si guarda alla formazione degli impiegati: solo il 30,5% dei diplomati è occupato a tre anni dal diploma e non va meglio ai laureati di primo livello, solo il 52,9% ha un impiego entro i tre anni dalla laurea. Indubbiamente chi è in possesso di una laurea magistrale o di un master ha più chances e si possono sfiorare i 60.000 euro lordi annui, da cui calcolare le detrazioni al netto.

In compenso le pensioni sono cresciute: 16,2 milioni di pensionati italiani hanno ricevuto 283 euro in più al mese. Sono dunque chiari i motivi che spingono ben il 67% dei giovani tra i 18 e i 34 anni  a restare a vivere con i genitori (la fonte è sempre Eurostat) non potendosi garantire tutte le spese di mantenimento.

Dai dati Eurostat sappiamo anche che in Italia vi è la maggiore presenza di poveri in Europa: nel 2015 erano quasi 7 milioni, il doppio della Germania e tre volte la Francia. Alcuni giornali di taglio economico non hanno esitato a corroborare la tesi per cui un giovane su tre è a rischio povertà.

Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
L’UE stanzia un fondo da 80 milioni per ricerca e cultura multimediale

L’Unione Europea si mobilita in termini di crescita e sviluppo, per la tutela del patrimonio culturale,  favorendone la sua diffusione. ...

Chiudi