CATANIA – Un campo nuovo per I Briganti Rugby: parte la raccolta fondi

L’ASD I Briganti Rugby nasce nel 2006 con l’obiettivo di coinvolgere bambini e ragazzi del quartiere periferico di Librino, offrendo loro un’alternativa alla strada, nello specifico attraverso lo sport ed il rugby in particolar modo, ma per continuare nelle loro attività necessitano di un nuovo campo da gioco.

img_1807.jpg

La loro sede è nel complesso polisportivo San Teodoro, che consta di due palestre, uffici, spogliatoi, campo da rugby e campo di allenamento. Il Comune di Catania, proprietario della struttura, solamente nel 2015 ha concesso la gestione di quest’area, che era stata costruita per accogliere alcune delle discipline delle Universiadi del 1997.

Purtroppo per i ritardi nei lavori, non si riuscì a completare in tempo la struttura che venne sostituita con altre  esistenti per poter disputare le gare delle Universiadi e fu fin da subito abbandonata la struttura al suo destino.

Fino almeno all’intervento di recupero operato dai Briganti, ma anche il campo risente delle condizioni di degrado del quartiere e della struttura.. Infatti è oggi ridotto ad una distesa di argilla e necessità di continui interventi per poter essere utilizzato per gare e allenamenti, specie nei periodi invernali in cui l’acqua non riesce a defluire bene a causa dell’argilla e si trasforma più in una piscina.

Pertanto l’ASD I Briganti Rugby,  di cui fa parte anche la squadra femminile le Brigantesse, ha lanciato un crowfounding, per poter raccogliere fondi e risistemare e rendere fruibile questo campo, che si concluderà il 31 dicembre 2016.

Briganti sono rubgy – spiega la capitana delle Brigantesse – impegno sociale, solidarietà, i Briganti sono donne…. le Brigantesse, sono valorizzazione del territorio e delle persone che vi abitano, come le ragazze e i ragazzi di Librino, coinvolti nelle tante attività della Librineria (la prima biblioteca di Librino, creata all’interno della club house Giuseppe Cunsolo) dalle volontarie e dai volontari Briganti”.

“Sarebbe molto bello – continua la ragazza – vedere il nostro San Teodoro liberato ricoperto di un manto verde, quasi come se quell’erbetta potesse rappresentare i risultati raggiunti dai Briganti in questi dieci anni di attivismo… e poi devo aggiungere, che giocare tra piccole piscine di fango non è il massimo, così come non lo è cadere sull’argilla… per questi e per tanti altri motivi, che potrete scoprire solo venendoci a trovare, credo proprio che un prato ce lo meritiamo”.

Per chi volesse contribuire e donare una somma di denaro, considerando anche il valore sociale che quest’associazione svolge in un quartiere a rischio, è possibile farlo attraverso il sito www.brigantilibrino.it oppure tramite bonifico bancario intestato a : A.S.D. I Briganti  IBAN: IT03T0312726201000000190243   BIC: BAEC1T2B-Unipol Causale: donazione campo San Teodoro.

 

Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
CATANIA – Viaggiare smettendo di fumare: la ricerca della Liaf al Policlinico Vittorio Emanuele

Quanto è possibile viaggiare smettendo di fumare? Lo rivela una ricerca, che parla delle abitudini  da fumo di tutte le...

Chiudi