Sicilian Forks: il sito ideato da due catanesi con tutte le migliori cucine siciliane

Se un denominatore comune nella vita di ognuno di noi esiste, quello è, certamente, il ritrovarsi con gli amici per passare una serata insieme e non riuscire a decidere dove andare e passare, così, buona parte del tempo a cercare on line una soluzione che metta in accordo tutti i palati.

2016-02-13 15.38.07La situazione può anche essere divertente qualche volta, vivere sul filo del rasoio quando la pancia brontola (le buone forchette come me sanno a cosa mi riferisco) è stimolante, ma dopo un po’ ci si inizia a stancare e il rischio di passare una brutta serata è dietro l’angolo. Per non parlare, poi, dei maniaci del controllo, che rischiano una nevrosi ogni volta.
Bene, miei cari. Questo problema spinoso, disturbatore seriale delle serate di tutti noi, sta per essere archiviato e ricordato come un brutto sogno. Come? Grazie a Sebastiano Granata, Federico Di Carlo e Sicilian Forks.

Grazie a cosa? Sicilian Forks, un motore di ricerca enogastronomico, nato a maggio dello scorso anno dal genio dei due giovani catanesi, utile a chi ama la cucina siciliana. L’obiettivo è far conoscere i migliori ristoranti, hamburgerie, birrerie e tutte le varie sfaccettature culinarie della cucina della perla del Mediterraneo. Tramite le loro esperienze su campo, raccontano le eccellenze aziendali siciliane, come cantine vinicole, aziende alimentari o birrerie artigianali e sul loro sito, intuitivo da consultare, potrete leggere le recensioni realizzate dallo staff che visita in prima persona ogni locale.

Per chi volesse, l’azienda è presente anche su Facebook, Instagram e Twitter e conta migliaia di seguaci e visualizzazioni in costante aumento, proponendo nuove recensioni ed interessanti consigli per scegliere il locale più adatto ad ogni esigenza e gusto.

Dà, inoltre, la possibilità ai ristoratori che gestiscono locali siciliani di essere inseriti nel motore di ricerca online in maniera totalmente gratuita. E, ad oggi conta, nel proprio database, circa cento locali e aziende prestigiose del territorio.

Non so voi, ma io proverò di sicuro!

Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
CATANIA – “M’illumino di meno”: visite guidate e iniziative a luci spente

Il 19 febbraio s'illumina di meno non solo il Monastero dei Benedettini, ma anche altri siti principali della città di...

Chiudi