Perché il caffè ritarda il sonno? A spiegarlo una ricerca dell’Università del Colorado

caffè sonnoChe mondo sarebbe senza la mamma, senza la Nutella ma, soprattutto, senza il caffè? A darci il buongiorno la mattina e a sostenerci nelle notti di studio c’è sempre lui, perché?

Secondo una ricerca dell’Università del Colorado, pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine, il caffè riesce a tenerci svegli perché ritarda i ritmi circadiani, quelli che regolano metabolismo, sonno e veglia.

Per circa 7 settimane, sono stati monitorati alcuni volontari divisi in 5 gruppi. Ogni gruppo ha assunto una pastiglia di 200 mg di caffeina, sempre tre ore prima di andare a dormire.

I ricercatori hanno misurato, ogni 30 minuti, la melatonina nella loro saliva e hanno osservato che il rilascio dell’ormone del sonno avveniva in ritardo. Circa 40 minuti dopo.

Articoli simili


Articoli scritti dalla Redazione.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
NUOVO ISEE – Il MIUR risponde alle polemiche, passo indietro?

Dopo il tornado Nuovo Isee, che ha visto dare problemi a un gran numero di studenti per richiedere la borsa...

Chiudi