Enrico Garozzo in esclusiva per Eccellenze Made in UniCT

Enrico-Garozzo-Parigi2012Enrico Garozzo, classe ’89, schermidore specialista nella disciplina della spada. Tanti successi in ambito internazionale come l’oro individuale ai campionati del mondo giovani Acireale 2008 e la medaglia di bronzo ai mondiali di Kazan 2014.
Come hai iniziato a praticare la scherma, in particolar modo la disciplina della spada?
<< Ho iniziato con la scherma per casualità. Il padre di uno dei miei migliori amici ha riaperto nella mia città una sala di scherma che aveva un  passato glorioso e un grandissimo maestro come Raffaele Manzoni, ma io all’epoca non ne capivo un granché, avevo 8 anni, quindi mi sono fatto trascinare dalla voglia di stare insieme ai diversi amici che avevano raccolto l’invito di provare la scherma. Come tutti ho iniziato con il fioretto, poi un giorno, a Cosenza, vinsi una gara del circuito nazionale under 14 di spada, e da li non la mollai più>>.
La tua recente vittoria con il bronzo al mondiale di Kazan ha sicuramente dato una svolta alla tua carriera sportiva. Come è stata questa esperienza?
<< È stata la conferma di aver preso delle decisioni corrette e che il duro lavoro paga sempre. Nell’ultimo periodo mi sentivo sempre più pronto a raggiungere un obiettivo come questo, e dopo la delusione del brutto Europeo di Strasburgo avevo una grandissima voglia di rivincita e di riconfermarmi, come avevo fatto per tutta la stagione, tra i primissimi a livello mondiale. Adesso viene il bello, ma allo stesso tempo la parte più difficile. Quella di dimostrare di poter restare in alto. Ma a me le sfide piacciono!!!!!>>.
enrico-garozzo
C’eri già andato vicino due volte, stavolta te la sei presa. Durante la gara hai pensato alle occasioni perse in passato?
<< Finalmente è arrivata la medaglia a un Mondiale Assoluto!!!!!! E non voglio che sia un punto di arrivo, deve essere un punto di partenza. Mi sentivo mentalmente pronto, come dicevo già da inizio stagione. Ho imparato molto dagli errori fatti in passato e voglio continuare a migliorarmi. Qui, a questi livelli, servono i dettagli per vincere, e voglio continuare a limarli. Il mio maestro ne ha individuati dal punto di vista tecnico, il mio preparatore dal punto di vista atletico e io alcuni aspetti di atteggiamento>>.
Qual é il più bel ricordo che terrai con te? Come hai fatto a trovare la giusta concentrazione e questa vittoria come ha inciso sulla tua vita sportiva e non?
<< Il momento più bello e’ stato durante l’assalto per la medaglia, dove mi rendevo conto che ormai non mi sarebbe più sfuggita. Ho assaporato secondo per secondo di quei minuti. Sono sensazioni che solo chi fa sport più capire e apprezzare. La concentrazione e’ una parte fondamentale per un atleta, e credo che l’esperienza aiuti molto. Bisogna trovare la giusta maturità e credo che quest’anno io sia cresciuto molto come persona, e di conseguenza come atleta>>.
Cosa hai provato quando hai scoperto che l’assalto per la medaglia l’avresti tirato contro l’estone Priinits e non contro Fabian Kauter?
<< Inutile dire che ovviamente è stato meglio incontrare Priinits piuttosto che Kauter. Ma non avevo per nulla paura. Chi mi ha seguito ed è stato accanto quel giorno sa che avevo un ritornello che mi ripetevo per darmi la carica: «Spero che tutti gli avversari migliori dalla mia parte di tabellone vincano perché voglio conquistarmi la medaglia contro di loro. Sono io che devo meritarla». Tra l’altro con Fabian ci conosciamo molto bene sia dentro che fuori la pedana. È uno degli atleti elvetici che mi è stato più vicino nell’anno in cui mi sono allenato in Svizzera per seguire Angelo Mazzoni. Sarebbe stato senz’altro un assalto diverso. Ma ripeto, non avevo paura>>.
Come è stato tornare a casa, ad Acireale, con una medaglia di bronzo? Pensi che questo risultato possa darti maggiore convinzione per la prossima stagione?
<< È stato molto bello perché ho potuto festeggiare con la mia famiglia e i miei amici. Dopo tanto lavoro e sacrificio me la voglio godere con loro. Ho festeggiato offrendo agli amici una serata in un bel locale sul mare a Taormina. Questa medaglia è stata la consacrazione che tanto aspettavo dopo due stagioni di livello altissimo. Sicuramente mi dà ancora più convinzione e fiducia nei miei mezzi >>.tumblr_n0byy6ci9I1qkgjfwo1_400
Qual è stata la sfida sportiva, oltre il mondiale di Kazan, che nella tua giovane carriera ti ha dato di più anche a livello emotivo?
<< E’ stato sicuramente il Campionato del mondo juniores vinto in casa, ad Acireale nel 2008. Ricordo ancora oggi ogni minimo dettaglio della preparazione a quella gara, le varie difficoltà emotive che mi si presentavano quotidianamente per le aspettative di chi mi stava attorno. Ma vincere davanti a chi mi vuole davvero bene, e a pochi passi da casa, e ricevere l’abbraccio degli amici di una vita non appena messa a segno l’ultima stoccata, e’ una cosa che mi resterà dentro per sempre>>.
Hai avuto o hai tutt’oggi qualche atleta di riferimento?
<< Un modello di riferimento credo che ogni atleta debba averlo .Una persona a cui “rubare” i segreti del mestiere. Io ho avuto la fortuna di aver avuto come chioccia un atleta fortissimo come Diego Confalonieri. Gli devo molto, e gliene sarò sempre riconoscente>>.
Nella gara a squadre siete usciti ai quarti di finale. Cosa non ha funzionato?
<< Siamo una squadra che attualmente non è la più forte al mondo, ma tra le migliori. E nel corso della stagione lo abbiamo dimostrato vincendo anche una gara. Il quarto di finale con la Francia e’ stato un assalto molto tirato quasi fino alla fine. Poi qualcosa non ha funzionato, per colpa nostra, come avrebbe dovuto. Siamo ancora un gradino sotto la Francia, quindi perdere con loro ci sta. Ma guardando il lato positivo ognuno sta imparando a svolgere il proprio ruolo all’interno della squadra. Io e Paolo Pizzo abbiamo il compito di fare crescere i due più piccoli che saranno sempre più pronti per questi palcoscenici. La qualificazione sta per iniziare e noi saremo pronti>>.
Il bronzo a Kazan 2014 é sicuramente un trampolino di lancio per la tua carriera sportiva. Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro? Sei determinato nel qualificarti per le Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016? Che sensazioni hai in vista delle qualificazioni olimpiche?
<< Come ho detto prima, noi saremo prontissimi per quella data. Abbiamo iniziato a lavorare con quell’obbiettivo in testa da due anni a questa parte. Ora, finite le vacanze, torneremo più vogliosi di prima a colmare il gap che ci divide ancora dalla Francia>>.
Sei iscritto alla Kore di Enna. Come fai a conciliare lo studio e gli impegni universitari con quelli sportivi?
<< Non vi nascondo che è veramente difficile riuscire a conciliare il doppio impegno, anche perché, vivendo a Milano per motivi sportivi non riesco a frequentare praticamente mai le lezioni. Ma la laurea e’ un obiettivo importante che mi sono posto e che riuscirò a raggiungere a tempo debito. Colgo l’occasione per ringraziare il Rettore, il Preside della mia Facoltà di Scienze Motorie e i miei Professori che sono sempre stato disponibili, nei dovuti modi, a darmi una mano>>.
scherma1
Articoli simili


Fiorella Manciagli laureanda in Giurisprudenza a Catania, appassionata di attualità e politica. Rubrica: Eccellenze Made in UNICT.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
Speciale Ammissione – Come arrivare al “Centro Fieristico Le Ciminiere”?

Anche quest'anno la maggior parte dei test d'ammissione, per le aspiranti matricole dell'Università di Catania, si svolgeranno al "Centro Fieristico...

Chiudi